Gli ERP più diffusi in Italia (aggiornamento 2021)

Gli ERP più diffusi in Italia sono sia di produzione nazionale, che estera:

  • quelli nazionali più in evidenza sono: AdHoc, Alyante, E/Impresa, Embyon, Fluentis, JGalileo, Mago, Mexal, Panthera, Up! Userportal,
  • quelli esteri, invece: ADempiere, Dynamics NAV, JD Edwards, Odoo, SAP Business One/Hana, TargetCross.

Generalmente quelli esteri sono anche denominati internazionali perché diffusi in gran parte del mondo.

Ci sono anche altri ERP emergenti come, ad esempio, ERPNext e OpenBravo che, al momento, però, sono privi di localizzazione amministrativa italiana.

Questa analisi è stata realizzata con il contributo di altri consulenti d’impresa, dei loro clienti e di altre fonti esterne ed offre una visione dei sistemi ERP solo in termini quantitativi perché rispecchia il numero delle installazioni effettuate.

Non entra nel merito dei termini qualitativi.

LEGGI ANCHE: Gli indicatori di qualità del software secondo ISO/IEC 25010

Il tessuto economico italiano è costituito da circa il 5% di grandi imprese, da circa il 20% di medie imprese e da circa il 75% di piccole e micro imprese.

Questo scenario ha influenzato le scelte dell’industria informatica italiana che, con l’avvento dei primi computer negli anni ‘80, ha coperto maggiormente la fascia delle micro-imprese lasciando spazi importanti all’industria estera nella fascia delle grandi e medie imprese.

Oggi, per meglio affrontare la crescente competizione nel mercato, anche nella piccola impresa è nata l’esigenza di avere soluzioni ERP molto flessibili, motivo per il quale c’è molto interesse verso quei sistemi di fascia alta fortemente modulari.

Le difficoltà di scelta diventano sicuramente maggiori e non è più sufficiente fare affidamento sul passaparola o sulla best practice o sulle proprie sensazioni.

Bisogna, invece, guardare alla qualità del software, alla complessità aziendale e alle dinamiche organizzative.

Le mie considerazioni

Scegliere un ERP sulla base della maggiore diffusione nel mercato o magari perché:

  • ha un’interfaccia utente accattivante,
  • è stato raccomandato o sponsorizzato da qualcuno,
  • è stato meglio presentato dal fornitore software,

porta facilmente a prendere una decisione sbagliata.

C’è chi vede un ERP come uno strumento da utilizzare come best practice e, quindi, crede di adattare l’impresa al software e chi, invece, parte dall’analisi dei processi aziendali per poi arrivare alla corretta implementazione del sistema.

LEGGI ANCHE: La best practice mito o falso mito

A coloro che si trovano in questa situazione è consigliabile farsi seguire da un consulente d’impresa, indipendentemente dal tipo di approccio scelto, sia progettuale che tecnologico.

Il momento della scelta di un sistema ERP è molto importante.

E’ fondamentale, quindi, fare quella giusta perché da questa dipende la competitività dell’impresa, la flessibilità del sistema organizzativo e la protezione dei propri investimenti.

Non sono poche le imprese che si accorgono di aver commesso un errore solo dopo aver già sostenuto  l’investimento, e non tutte esprimono apertamente la propria insoddisfazione.

LEGGI ANCHE: La rilevanza strategica della scelta di un sistema ERP

Ti è piaciuto questo articolo e vorresti contattare l'autore? Compila questo modulo.

    Condividi su